Introduzione:

Paola Silvestrini è nata a Bertinoro in provincia di Forlì.
Ha conseguito il diploma di maturità classica a Cesena ed ha frequentato l'Accademia di Belle Arti a Ravenna.
Da tempo è nota nel campo dell'arte contemporanea in cui ha ottenuto vasti consensi di critica e di pubblico che le hanno valso segnalazione ed affermazioni in campo artistico.

Ha organizzato mostre personali a: Ravenna, Lugo di Ravenna, Cesena, Venezia, Milano.

Ha partecipato a numerosi concorsi: Faenza, Bologna, Imola, Milano, Montecarlo, New York, Torino, Catania, Firene, Alassio, Sirmione, Nizza, Bruxelles, Giappone, Venezuela.

Le opere dell'artista figurano in molte collezioni pubbliche e private, tra cui segnaliamo il poeta Pablo Neruda, l'attore Vittorio Gasmann e l'editore Arnoldo Mondadori.
Come luoghi pubblici possiamo ricordare il Municipio di Forlinpopoli, il Minicipio di Ravenna, il Lions Club di Lugo di Ravenna.

Tra le molte recensioni sulle opere di Paola Silvestrini riportiamo alcuni stralci:

Salvatore Russo: "L'arte nelle pennelate di Paola Silvestrini fa poesia.
La sua sensibilità stilistica rende l'astante partecipe di ciò che osserva. Paola Silvestrini col tempo ha maturato quella sintesi linguistica propria dei Grandi maestri.
Scompone abilmente il segno e gli attribuisce nuovi significati, un'indagine sugli aspetti taciti e manifesti della natura. Un tipo di pittura che trova in un linguaggio cromatico essenziale la sua migliore forma rappresentativa. Un voler raccontare se stessa attraverso i fiori, un voler parlare all'osservatore con il linguaggio che conosce meglio: la sua Arte. Un'Arte che assapora l'infinito, un'Arte che esplorato l'universo tacito dell'ignoto si presenta all'osservatore come l'estrema sintesi del percepito.
Un'Artista Paola Silvestrini che narra attraverso le sue opere e conduce colui che osserva verso un mondo onirico dove è ancora lecito sognare.
"

Gillo Hores (Canada): "This sensitive and wellbalanced artist has been for a long time in the field of art where she has abtained a welldeserved success. Still-lives, flowers, landscapes devolope from "her artist's" hands in an emotional increase. She is able to use pastels with delicacy or intensity to support the creative moment and give it clearly to the observer. Paola Silvestrini, by painting with the pastels, is conscious of managing a difficult technique, but she is so skilled that her works look like oil-paintings. Nuances of colour alternate an interchange themself to create different life scenes where every part of the composition finds its right place..."

Giorgio Falossi: "Fiori e paesaggi che sembrano usciti dalla memoria di un'incantata poesia. Suggestioni che Paola Silvestrini propone per una pittura quasi essenziale dalla linea semplice organizzata su piani precisi orizzontali o verticali."

Maria Rosaria Belgiovine: "Una distesa del colore che si assapora fra incantati paesaggi e particolari nature morte. Paola Silvestrini avvolge la realtà in un ovattato silenzio ed affida al ricordo onirico l'ansia della sua ricerca."

Mario Portalupi: "Da anni seguo con interesse la formazione artistica di questa pittrice per la quale mi sembra che la coerenza stilistica del lavoro si identifichi con la persona stessa. Coerente è in lei il fatto di dipingere con impulso, di non seguire mode o tendenze, di osservare la natura con profonda emozione e di cogliere certi aspetti di questa con immediatezza. Nulla sfugge alla sua attenta osservazione, ma la selezione nel riprendere le cose è essenziale e rigorosa..."